"/>

Recupero crediti

La parola a professionisti accreditati di CE.S.E.C. srl
di Massimo Perolini

Partiamo dall’inizio: cos’è il cosiddetto “Recupero Crediti”?

Se cinque anni fa mi avessero chiesto di dire qualcosa sul mondo della Tutela Del Credito, probabilmente avrei dovuto iniziare a spiegare in dettaglio di cosa si trattasse, a quali leggi fosse soggetto e quanto fosse distante dall’immaginario popolare dello “spezzapollici”. Cosa è cambiato da allora, nella percezione di questa figura professionale? I presupposti non sono molto diversi da allora, anche se la crisi che stiamo attraversando ha colpito duro, rendendo sempre più nota la figura del “recuperatore”, ma creando al settore non pochi disagi per chi incontra quotidianamente debitori in reale stato d’indigenza e non più, come accadeva qualche anno fa, i cosiddetti “furbetti” ovvero coloro che fingevano di dimenticarsi di pagare le rate per destinare le proprie risorse a condurre uno stile di vita spesso al di sopra delle proprie possibilità.

A quali criteri deve corrispondere l’attività del recuperatore?

Iniziamo a evidenziare una distinzione necessaria, per sgomberare il campo da fraintendimenti. Il recupero crediti normalmente inteso, disciplinato dal T.U.L.P.S. (ovvero il Regio Decreto 18 giugno 1931, n. 773 “Testo unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza“, più volte aggiornato e il cui testo attualmente in vigore risale al 21 agosto 2008, al quale si affianca la cosiddetta “Legge Sulla Privacy”, in continua evoluzione per via della necessità di adeguamento ai Regolamenti Europei in materia), si divide sostanzialmente in due categorie: il sollecito telefonico e la visita domiciliare.

Quali sono le normative alle quali deve attenersi e a quale di queste categorie appartiene la Sua società?

Qualsiasi azienda operante nel settore deve essere munita di licenza rilasciata dal preposto Ufficio della Questura (che è, però, attribuita a titolo personale, solitamente al titolare, responsabile dell’operato degli addetti, dei quali deve essere depositato in Questura un elenco aggiornato ad ogni variazione) e, da qualche anno, è finalmente valida su tutto il territorio Nazionale. La mia società, nella fattispecie, si occupa di recupero domiciliare ovvero i nostri agenti, muniti di copia della licenza, elenco agenti e incarico specifico fornito dalla mandante (nel nostro caso, trattiamo quasi esclusivamente crediti di banche e finanziarie, quindi finanziamenti al consumo, mutui, carte di credito), si recano presso il domicilio dell’intestatario della pratica affidata e cercano di ottenere quanto dovuto, magari stabilendo un piano di rientro che sia sostenibile dal debitore, nel pieno rispetto della persona e delle norme.

Tutto il resto lasciamolo al cinema. Si incontrano quotidianamente debitori in reale stato di indigenza e non più, come accadeva qualche anno fa, coloro che fingevano di dimenticarsi di pagare le rate per destinare le proprie risorse a condurre uno stile di vita spesso al di sopra delle proprie possibilità.

Altri articoli dal nostro blog

Abitare in ambienti sani

Idropitture in aiuto all’aria interna della nostra abitazione

Separazioni e divorzi: vietato l’accesso in tribunale

Un passo verso una giustizia più civile

Dalle “manette agli evasori” al “carcere agli evasori”,

Ma con regalo di natale.

COS srl

sede legale:
c.so Tassoni 16 - 10143 Torino (TO)

sede operativa:
via da Montefeltro 2 - 10134 Torino (TO)

p.iva 11665600018

Social